Dipinti

Descrizione del dipinto di Valentin Serov “George the Victorious”

Descrizione del dipinto di Valentin Serov “George the Victorious”


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Valentin Serov era un maestro degli animali eccezionale. Gran parte dell'attenzione nei suoi lavori ha prestato attenzione all'immagine dei cavalli. Possiamo vedere questi animali in quasi tutti i dipinti del grande artista russo. Nonostante il fatto che l'opera si chiami "George il Vittorioso", la principale figura recitante è il cavallo.

La prima cosa che vediamo guardando l'immagine è la formidabile, potente figura di un cavallo. Serov attenua deliberatamente, scurisce lo sfondo dell'opera, rendendolo quasi nero. Sullo sfondo è buio, come un tuono nel mezzo di un cielo limpido in cui scoppia un animale furioso. Serov raffigura un cavallo in bianco per enfatizzare la sua esclusività, purosangue. Sembra che letteralmente in un secondo il cavallo si fermerà sulle zampe posteriori e colpirà il serpente con gli zoccoli. La figura del cavallo è molto dinamica, concreta. Le grandi e nette pennellate del maestro danno all'animale uno speciale sollievo.

A cavallo raffigura Giorgio il Vittorioso. È sorprendente che l'artista abbia raffigurato una figura umana quasi impercettibile: si fonde con uno sfondo nero. Possiamo vedere l'enorme armatura scura sul corpo dell'uomo. Sulla sua testa c'è un elmo dalla forma stravagante in oro zecchino. Vale la pena notare che Serov raffigura un alone luminoso sopra la testa di una persona, che è sempre correlato alla pittura di icone. Ma il maestro si allontana dai canoni della scrittura di icone. L'immagine mostra aggressività, movimento e dinamiche, che è insolito per la rappresentazione dei santi, in particolare sulle icone.

In fondo all'opera c'è un serpente. Alcune fonti affermano anche che Giorgio il Vittorioso non combatté con un serpente, ma con un enorme drago. La bestia è raffigurata in colori scuri, quasi si fonde con la foschia notturna. George oscillò e la lancia trafisse il corpo contorto del mostro. La lancia raffigurata dall'artista in rosso. Vicino al serpente si trova un teschio umano.





Dipinti veneziani


Guarda il video: 149. Валентин Серов - Портрет Николая (Luglio 2022).


Commenti:

  1. JoJozuru

    Dovresti dire che non hai ragione.

  2. Tonya

    Mi scuso, ma penso che tu abbia torto. Posso difendere la mia posizione. Scrivimi in PM, lo gestiremo.

  3. Mu'tasim

    Era interessante?

  4. Balin

    Ti dai il rapporto, in quello che è stato detto ...

  5. Hamelstun

    Sei simile all'esperto)))

  6. Rafik

    Mi unisco. Tutto sopra ha detto la verità. Discutiamo questa domanda.

  7. Sedgewic

    Pronto, dove me per saperne di più?



Scrivi un messaggio