Dipinti

Descrizione della scultura di Teodosio Fedorovich Shchedrin “Venere”

Descrizione della scultura di Teodosio Fedorovich Shchedrin “Venere”


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Venere è la dea della bellezza e della giovinezza. Teodosio Shchedrin creò questa scultura, con l'intenzione di trasmettere la sua idea di bellezza femminile.

La donna, presentata sotto forma di scultura, stupisce lo spettatore con la levigatezza e l'accuratezza delle sue forme. La costruzione della sua figura è caratterizzata da morbidezza e ondulazione, e la posa in cui si trova è associata a calma e tranquillità. Quindi, la ragazza è raffigurata dopo il bagno. Essendo appena uscito dall'acqua, Venere asciuga l'umidità dal corpo con un fazzoletto in mano, sporgendosi leggermente in avanti. Con un piede, un bellissimo individuo si appoggiò a una radice che guardava fuori dall'acqua, il suo viso trasmetteva un po 'di affaticamento e le sue labbra erano leggermente piegate in un sorriso. La femminilità e la tenerezza sopraffanno una bella ragazza, anche se i lineamenti del viso non sono così facili da vedere. Nonostante la postura calma, Venere irradia movimento, iniziando con una leggera inclinazione della testa e terminando con una gamba leggermente in avanti.

Contrariamente ai canoni della creazione di sculture, questa opera d'arte è in qualche modo unica, dal momento che il maestro ha incarnato il suo ideale di una bella ragazza, sensuale e femminile. Nonostante la tradizione di disegnare la dea dell'amore, questa eroina è raffigurata più sottile e il suo busto è evidente, nonostante la levigatezza e la curvatura della figura. Le ombre della scultura in marmo non sono disegnate, cadono naturalmente a causa di sporgenze e rientranze sul corpo.

Non si può non prestare attenzione al trasferimento magistrale della trama dell'immagine: ad esempio, il maestro ha prestato attenzione alle pieghe del tessuto tenuto in mano, alla trama dei capelli, alla rugosità dell'albero sporgente e alla levigatezza della riva su cui sorge la dea. L'ideale è ciò che l'autore voleva trasmettere. E senza dubbio, è riuscito a ritrarre una bella donna che irradia sensualità, tenerezza e pace.





Mezzogiorno italiano Karl Bryullov


Guarda il video: La scultura greca (Giugno 2022).


Commenti:

  1. Zumuro

    Scusa, ho pensato e ho rimosso una domanda

  2. Cacamwri

    Mi scuso, ma penso che tu abbia torto. Posso difendere la mia posizione. Scrivimi in PM, lo gestiremo.

  3. Voodoozshura

    Mi scuso, ma non mi viene in mente. Chi altro può dire cosa?

  4. Offa

    Tra noi, secondo me, questo è ovvio. Mi asterrò dal commentare.

  5. Xenophon

    Mi scuso per essere un po 'fuori tema, ma cos'è RSS? E come iscriverti ad esso?

  6. Akinoramar

    Detto in confidenza, la mia opinione è quindi evidente. Mi asterrò dai commenti.



Scrivi un messaggio