Dipinti

Descrizione del dipinto di Salvador Dali "La testa di Giuliano di Medici Michelangelo"

Descrizione del dipinto di Salvador Dali



We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Questa immagine si riferisce alla fase avanzata dell'opera di Salvador Dalì. In questo momento, dopo la perdita della sua amata moglie, pensa sempre più al significato della vita, dell'immortalità, del destino umano e dell'infinito del tempo. L'opera del capo di Giuliano di Medici di Michelangelo è uno dei numerosi tentativi di ripensare l'eternità.

Per il suo scopo, si rivolge all'immagine della grande figura Michelangelo. Il dipinto raffigura un uomo sorprendentemente bello con grandi occhi che irradiano calma e sicurezza. Lo sguardo di Michelangelo legge pensosità e tristezza. Quindi Salvador Dalì ha trasmesso il dolore di aver perso sua moglie. Un giro del collo elegante e allo stesso tempo energico dimostra zigomi forti e mento volitivo. La forma corretta delle labbra è chiaramente tracciata. La posa dell'uomo catturato, la rotazione della testa e la vista del profilo ci rimandano alle tradizioni del Rinascimento, quando è stata prestata particolare attenzione alla descrizione accurata del volto della persona.

L'immagine è stata realizzata con una tecnica insolita. Dimostra la combinazione di diversi personaggi e tecniche. La classica esibizione di un profilo splendido, misterioso e surreale allo stesso tempo, è fatta ad olio secondo le migliori tradizioni del Rinascimento. Allo stesso tempo, un'immagine abbozzata e abbozzata è presente nell'opera.

Questo è un tributo all'era moderna di Salvador Dalì, che è caratterizzata dall'astrattezza di forme e linee. La combinazione di due diversi metodi di scrittura ha un senso speciale. L'olio colora l'intera faccia e lo sfondo attorno ad essa. Il disegno schematico ottiene forma e profondità. Salvador Dalì reinterpreta il suo ruolo nell'arte e nella vita reale. Solo la pittura è in grado di trasmettere i sentimenti sottili dell'artista e trasferirli attraverso intere epoche. La vita umana è fugace. Ma l'arte è immortale.





Donna Velata


Guarda il video: Leonardo Da Vinci spiegato da Federico Zeri (Agosto 2022).