Dipinti

Descrizione del dipinto Paolo Veronese “Crocifissione”

Descrizione del dipinto Paolo Veronese “Crocifissione”



We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

L'immagine non è di grandi dimensioni. Entrò nel Museo dell'Ermitage di arti decorative, applicate e belle arti nel 1772. Fino alla fine, si credeva che questa fosse una tela incollata a un albero.

Sulla croce, che si innalzava da terra, crocifiggeva Gesù Cristo. Uno di quelli coinvolti nell'omicidio gli ha afferrato le gambe, l'altro sul lato destro infila un chiodo nel palmo della mano, il boia medio tiene la sua mano e il quarto perfora il lato della croce. I palmi sono necessariamente ritratti apertamente. Sul lato sinistro, due cavalieri stanno guardando tutto ciò che accade. E a destra, due ladri colpevoli vanno all'esecuzione in piena nudità, che, secondo la narrazione evangelica, sarà crocifisso accanto a Cristo da entrambe le parti.

L'immagine trasmette al suo spettatore tutto il dolore lancinante che si mescola all'orrore incondizionato. L'artista ha cercato di ricreare su tela tutti quei terribili tormenti che Cristo ha vissuto su se stesso.

A causa del dubbio che questo dipinto era opera di Paolo Veronese, vale a dire, a causa della differenza significativa tra la parte centrale del dipinto e il cielo superiore e con immagini sui bordi inferiore, sinistro e destro, sono stati eseguiti lavori dettagliati e studi.

Sullo sfondo generale della radiografia, la parte centrale della foto raffigura immediatamente i chiodi di Gesù Cristo. Questa parte non fornisce una struttura di base. Da tutti i lati è circondato da prefissi della tela più sottile. Il suolo e la struttura sono assolutamente omogenei e distintamente sviluppati.

In tutto il centro, le linee orizzontali di lettere nere scritte in stile gotico sono chiaramente formate. Questo dà motivo di affermare. che l'immagine della Crocifissione fu applicata alla pergamena, sulla quale in precedenza c'erano iscrizioni dipinte con vernice.





Elefante di Salvador Dalì


Guarda il video: Cappella Brancacci: LOcchio di Masaccio (Agosto 2022).