Dipinti

Descrizione del dipinto di Igor Grabar "Ultima neve"

Descrizione del dipinto di Igor Grabar


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Dipinto a olio su tela nel 1931, è disposto verticalmente, le sue dimensioni sono 95 x 78,5 cm ed è conservato nel Museo Nazionale d'Arte Gapar Aitiev, Bishkek, Kirghizistan.

Questo paesaggio è una delle tante riflessioni dell'amore del suo creatore per il nord russo. Igor Emanuelovich è persino chiamato l'artista della neve e della brina, che ha riscoperto la natura della Russia. È probabile che abbia eseguito questo lavoro all'aria aperta, arrendendosi completamente all'impressione del momento, guardando dal vivo ciò che lo circonda. Lo stile del pittore è caratterizzato come una sua interpretazione del realismo insieme all'impressionismo e una parte del puntinismo.

Guardando l'immagine per la prima volta, notiamo per la prima volta un pozzo di legno con un tetto triangolare, che è quasi al centro. L'attenzione è inoltre accentuata dai rami del cespuglio rosso bordeaux, che si estendono verso l'alto. Osservandoli, lungo le verticali di abeti verde scuro e betulle nude, ci innalziamo verso un cielo abbagliante e trasparente. La sua tonalità blu è quella tinta pura, leggermente verdastra quando l'inverno lascia il posto alla primavera.

Ora anche i dettagli diventano nitidi: aree scongelate luminose che crescono attraverso neve sciolta ma ancora bianca, i cui resti si stanno gradualmente rotolando giù dai tetti, ombre azzurro-viola, un pezzo di un rettangolo giallo sulla destra che sembra una porta d'estate ...

L'intera composizione è ben bilanciata e pensata. Contrasti lievi compaiono attraverso l'arguto argomento dei principali punti caldi e piccoli freddi. Tronchi e alberi sono spiegati con piccoli dettagli, persino le loro sagome sullo sfondo. L'umore generale dell'immagine è gioioso, ma un po 'malinconico - come quello della natura che si sveglia da un lungo sonno. Tuttavia, il nome suggerisce che il freddo è alle spalle, molto presto la copertura nevosa scomparirà completamente, lasciando il posto all'erba giovane e il fogliame frusciare nella brezza.





Foto di Polenov Vasily Dmitrievich


Guarda il video: LIBERO! Full video cavallo dal artista Igor Sakharov (Luglio 2022).


Commenti:

  1. Melanippus

    Non posso prendere parte alla discussione in questo momento - non c'è tempo libero. Sarò libero - esprimerò sicuramente la mia opinione.

  2. Mezilkis

    Non posso prendere parte alla discussione in questo momento - sono molto impegnato. Ma tornerò - scriverò sicuramente quello che penso su questo problema.

  3. Roald

    Hai colpito il posto. Penso che questa sia una grande idea.



Scrivi un messaggio