Dipinti

Descrizione del dipinto di Mikhail Vrubel “Ritratto di un figlio”

Descrizione del dipinto di Mikhail Vrubel “Ritratto di un figlio”



We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Mikhail Alexandrovich Vrubel è un artista con un destino difficile. La sua vita ricorda un dramma. Un giovane di successo, mentre studiava alla facoltà di giurisprudenza dell'università, fu portato via da uno stile di vita bohémien, fortunatamente, trovò il talento di un artista. Ha iniziato come illustratore di libri, mostrandosi un vero romantico. Dopo aver servito brevemente nell'esercito, all'età di ventiquattro anni, Mikhail decide di cambiare completamente la sua vita ed entra nell'Accademia delle Arti. Tuttavia, non riceve il diploma di artista, anche se inizia a fare buoni soldi disegnando su ordinazione. Abbastanza incurante del lavoro, sperimentando romanzi difficili e dolorosi, Vrubel, tuttavia, crea una serie di opere brillanti e diventa popolare. Mentre dipinge le chiese di Kiev, l'artista disegna contemporaneamente un Demone, che viene fuori con opere religiose più profonde ed emotive rispetto alle normali opere religiose per i clienti. In futuro, questa immagine perseguirà il creatore, apparendo su sempre più nuove tele.

La giuria ufficiale e gli accademici non hanno riconosciuto il lavoro di Vrubel, considerandolo mostruoso; Tuttavia, l'artista ha sempre avuto fan e è riuscito a fare buoni soldi. Spesso beveva tutti i soldi che guadagnava. All'età di 40 anni, Mikhail ha sposato la giovane attrice Nadezhda Zabela; le fece un'offerta quasi il primo giorno della sua conoscenza. Ma anche nel matrimonio, l'artista non ha mostrato la capacità di gestire il denaro ed è spesso esistito a spese di sua moglie.

Qualche anno dopo il matrimonio, la coppia ebbe un figlio, Savva; era un ragazzo esternamente forte, sano, bello, ma con un difetto, un labbro leporino. Al momento della nascita di suo figlio e dei primi mesi della sua vita, Vrubel scrisse il suo demone più famoso; tuttavia, si prese una pausa dal lavoro per creare un ritratto della Savva di sei mesi. A questo punto, Nadezhda lasciò la sua carriera artistica, dedicandosi completamente a suo figlio, e Mikhail fu costretto a guadagnare soldi da solo. Ha lavorato duramente e alla fine è diventato depresso. Lo stato mentale dell'artista era in costante deterioramento.

Il volto accigliato del ragazzo nella foto sembra serio e spaventato, persino triste; i suoi enormi occhi blu e non infantili sono pieni di profonda tristezza. Il bambino come se anticipasse il suo tragico destino (il ragazzo morì all'età di due anni); anche nel suo aspetto e nella sua espressione facciale c'è una strana somiglianza fisionomica con il Demone, il personaggio principale di Vrubel per tutti i tempi. Un bambino biondo è raffigurato in un vimini fatto di ramoscelli, sullo sfondo ci sono fiori giallo pallido e lilla pallido. Il viso del ragazzo è completato da cuscini rosati in tessuto delicato. Nonostante i colori per lo più leggeri e delicati della tela, sembra allarmante e persino tragico. È ovvio che l'artista ha trasferito la propria ansia e preoccupazione nell'immagine del ritratto di Savva. Al momento della pittura, l'artista era gravemente malato e prima del suo primo ricovero in una clinica psichiatrica era rimasto molto poco tempo.





David Lorenzo Bernini


Guarda il video: Vita dun uomo - 1: Dal deserto a Parigi (Agosto 2022).