Dipinti

Descrizione del dipinto di William Bouguereau "La nascita di Venere"

Descrizione del dipinto di William Bouguereau


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

1879; tela, olio; 300 × 218; Museo d'Orsay.

Come trama per il suo dipinto, William Bouguereau scelse il famoso mito dell'apparizione della dea dell'amore e della bellezza di Venere, che, secondo la leggenda, nacque dalla costa di Cipro dalla schiuma del mare. La composizione della scena è abbastanza simile al famoso capolavoro di Sandro Botticelli, un genio del Rinascimento, tuttavia, la mano dell'autore è chiaramente visibile in entrambi i dipinti, puoi notare tracce del tempo in cui il lavoro è stato svolto.

Il dipinto di Bouguereau è leggero, arioso, realizzato con colori vivaci, colori delicati quasi luminosi. Nonostante le molte immagini franche sensuali, lascia un'impressione di naturalezza senza arte, antica semplicità.

Il centro della composizione è giustamente Venere stessa, rimanendo verso la riva stando su un'enorme conchiglia. La sua posa è aggraziata, un po 'innamorata, piena di dignità. È ben consapevole del potere del suo fascino, ma qui sembra una donna che si è appena svegliata da un sogno. È assorta in se stessa e non presta attenzione a chi la accoglie. Lo sguardo astuto da sotto le ciglia della dea dirige lo spettatore.

Il suo arrivo è proclamato da uomini di mare che soffiano conchiglie. Dai capelli scuri e dalla pelle scura, queste tre figure sono molto diverse da tutti gli altri personaggi della foto. Circondano la loro dea, non osando avvicinarsi a lei, ma nelle loro mani non hanno donne meno belle dalla pelle bianca. Le pose di tutti i partecipanti suggeriscono inequivocabilmente un'unione carnale.

L'eccezione sono due bambini in primo piano. Ai piedi di Venere, giocano con il delfino dietro le loro piccole ali. Questi sono angeli che si sono staccati dall'ostia dei loro simili, volteggiando in cielo sopra la testa di una divinità pagana. O forse uno stormo di amorini, perché nelle loro mani gli angeli stringono un arco, una faretra e frecce che possono accendere la fiamma della passione nel cuore di una persona.





Autunno dorato Polenov


Guarda il video: Battiato canta De Andrè e si commuove - Genova 12032000 (Luglio 2022).


Commenti:

  1. Kibei

    Fortemente in disaccordo

  2. Fanous

    Ottima idea

  3. Beorhttun

    Questa situazione mi è familiare. Invito alla discussione.

  4. Adney

    Sono anche preoccupato per questa domanda. Puoi dirmi dove posso leggere di questo?

  5. Buddy

    Lo accetto con piacere. La domanda è interessante, anch'io parteciperò alla discussione.



Scrivi un messaggio