Dipinti

Descrizione del dipinto di Gustav Klimt “Girlfriends”

Descrizione del dipinto di Gustav Klimt “Girlfriends”



We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Gustav Klimt dipinse il quadro "Girlfriends" nel 1916-1917. Sfortunatamente, l'immagine originale non ci raggiunse: fu bruciata nel 1945. L'autore ha dipinto il suo lavoro basato sul pieno contrasto dei corpi di due ragazze, fidanzate: una è nuda, l'altra, al contrario, è avvolta in abiti. Per nome è difficile supporre che abbiano dipinto due lesbiche, la loro relazione.

L'autore ha specificamente definito la sua immagine semplificata, quindi dimostra che le ragazze sono collegate da qualcosa di più dell'amore per gli amici. Klimt fu uno dei pochi che non esitò a dichiararlo a tutto il mondo. Dichiarazioni simili sono state fatte dal suo collega francese, Henri de Toulouse-Lautrec. Era Henri che conosceva il vero significato di questa immagine, sull'amore di più che semplici amici.

Le figure femminili non hanno volume. Per questo motivo, le ragazze si fondono con lo sfondo.

L'immagine raffigura anche animali: pollo, come personificazione di una donna di facile virtù. Il drago nella foto rappresenta la sessualità maschile. Non si sa cosa volesse dire esattamente Klimt nel ritrarre i fiori. È possibile che rappresentino il femminile.

Usando l'allegoria, l'artista mostra l'amore per due principi femminili, leggermente velandoli. "Girlfriends" ci mostra francamente l'amore di due ragazze che l'artista ha catturato in una posa molto sensuale, prendendo in prestito uno sfondo da sfondi cinesi tradizionali.

Klimt cantava romanticismo non solo in senso tradizionale. L'artista ha cercato di rappresentare nei suoi dipinti qualsiasi manifestazione di amore, indipendentemente da come la società percepisce questa manifestazione.





Creazione pittorica di Adamo


Guarda il video: Salvador DALÌ La persistenza della memoria - IAM Contemporary Art Video (Agosto 2022).