Dipinti

Descrizione del dipinto di Vasily Surikov “Festa di Belshazzar”

Descrizione del dipinto di Vasily Surikov “Festa di Belshazzar”



We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Vasily Surikov nacque nel 1848 a Krasnojarsk in una famiglia di don Cosacchi ereditari, che arrivò con Ermak nel XVI secolo durante la conquista della Siberia. Ha mostrato un talento per la pittura abbastanza presto, ma a causa della morte prematura di suo padre, la famiglia non aveva fondi per una degna educazione. Solo un caso aiutò Surikov quando il governatore yenisei Zamyatin vide i suoi disegni, trovò un filantropo I.P. Kuznetsov, che pagò i suoi studi all'Accademia, e all'età di 21 anni, Vasily Surikov divenne uno studente a San Pietroburgo.

Le sue tele monumentali, grazie alle quali Surikov ha guadagnato fama e fama, sono realizzate con un profondo approccio compositivo, cromatico e plastico. La maggior parte dei dipinti - Morning of the Archery Execution, Suvorov's Crossing the Alps, The Conquest of Siberia by Ermak - sono pieni di un gran numero di personaggi diversi, ognuno dei quali viene elaborato con il proprio personaggio, un momento di emozioni, con un'attenta selezione di soluzioni cromatiche. E sebbene molti dei suoi contemporanei abbiano spesso criticato Surikov per un tale miscuglio di volti e corpi, confrontando i suoi dipinti con il tappeto di broccato, questo è diventato un tratto distintivo dei dipinti, la sua energia speciale e il prezioso patrimonio storico e artistico della cultura russa.

Il dipinto di Pir Balthasar è stato eseguito anche nel modo preferito dall'artista - il culmine di un evento significativo nella storia. Belshazzar, dopo aver ereditato il dominio di Babilonia dopo la morte di suo padre, organizza una grande festa, in cui un gran numero di ospiti, servi, concubine, sacerdoti e schiavi affogano nel vino e nel vizio. Quando gli invitati non afferrarono i piatti, Belshazzar ordinò di portare i calici rituali d'oro, che erano stati rubati anche durante la distruzione del tempio di Gerusalemme.

Ma solo il nuovo sovrano del mondo toccava il calice, il cielo tremava per i formidabili colpi di tuono, i fulmini illuminavano la folla infuriata e sul muro apparve un'iscrizione luminosa e criptata. Anticipando i guai, Belshazzar sta cercando qualcuno in grado di leggere il fatidico messaggio, e il profeta Daniele viene portato da lui. L'immagine cattura il momento in cui Daniel traduce la misteriosa iscrizione al re, che prevede la rapida morte del profanatore dei santuari, indicando i segni infuocati e intorno ... Belshazzar, esasperato dalla paura, contorcendosi per l'orrore e il panico ... ospiti e servi.

Ricchi vestiti costosi e luminosi decorati con gioielli, targhe d'oro, lampade, mobili: quanto sono miserabili sotto il fuoco della rabbia divina. Mantelli rossi, tappeti rossi, vino rosso versato in primo piano nella foto - tutto ciò è visto come un presagio di imminente spargimento di sangue, perché il re celebrante non era all'altezza della guardia della città, dove le truppe persiane si arrampicarono sulle pareti. I sacerdoti babilonesi continuano a estendere le loro armi e le loro richieste di protezione agli idoli pagani, ma l'esito della grandiosa e tragica festa è perfettamente chiaro: i contaminatori non possono sfuggire alla punizione celeste.





Dipingere Malyavin


Guarda il video: Simbologia de La liberazione di san Pietro - Raffaello - I SIMBOLI NELLARTE (Agosto 2022).