Dipinti

Descrizione del dipinto "Autoritratto" di Leon Bakst

Descrizione del dipinto



We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Il dipinto, dipinto da Leon Samoilovich Bakst nel 1893, è oggi conservato nel Museo di Stato russo, a San Pietroburgo. È noto che Leon Bakst è stato riconosciuto come il vero legislatore delle tendenze della moda nella pittura, come l'Orientalismo dei primi del Novecento: il desiderio di esotismo, "inusuali".

Dopo aver studiato all'accademia imperiale delle arti di San Pietroburgo come ascoltatore libero, Leon Bakst ha assorbito tutto il meglio nel suo modo creativo e divenne una figura di spicco nell'arte del periodo Art Nouveau.

Un vero maestro del ritratto, Leon Bakst ha usato una vasta gamma di tecniche di scrittura: dai tratti di luce con pennelli di diverse dimensioni a linee luminose, chiare e flessibili. Usando toni contrastanti, Bakst, come molti altri artisti, ha evidenziato i dettagli principali nella sua visione del ritratto.

L'autoritratto dell'artista appartiene a un movimento artistico come il simbolismo. Il dipinto ad olio trasuda una luce soffusa interna, il bagliore sul viso dell'artista è in armonia con le tinte del materiale liscio della sua camicetta, l'immagine stessa si adatta allo sfondo del ritratto in modo molto naturale, i vestiti quasi si fondono con esso nella leggerezza dei mezzi toni. Allargato a metà giro, l'artista guarda direttamente lo spettatore, ma non in modo persistente, ma osservando delicatamente, come se stesse sbirciando nell'essenza stessa di qualcosa di bello.

Agli occhi di Bakst, si riflette anche la passione per la sua amata opera - arte e contemplazione silenziosa, osservazione della vita in tutte le sue manifestazioni. Il ricco colore nero del berretto di velluto - come attributo eterno di un creatore romantico è presente nell'autoritratto dell'artista. Non c'è narcisismo in esso, non ci sono attributi superflui e una sfumatura di tono morbida e leggera non distoglie lo spettatore dalla cosa più importante, ti consente di sentire un vero artista, guardandolo direttamente negli occhi. Quindi vediamo il maestro dei ritratti, un artista di spicco del ventesimo secolo - Leon Samoilovich Bakst.





Composizione per controversia sull'immagine


Guarda il video: 9 -- Jan Van Eyck e la pittura ad olio -- Stefano Zuffi (Agosto 2022).