Dipinti

Descrizione del dipinto Francisco de Goya "Colosso"

Descrizione del dipinto Francisco de Goya


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Il dipinto di Francisco de Goya "Colosso" fu dipinto tra il 1810 e il 1825.

Un artista di talento può sempre trasmettere tutti i suoi sentimenti attraverso le sue tele, che, anche dopo secoli di ammiratori della sua arte, catturano passione, gioia incontrollabile, momenti di ammirazione e tenerezza, ma il più delle volte il pubblico è scioccato dall'orrore del panico. Sì, Goya è un maestro nel trasmettere momenti terribili di cui non è capace ogni fantasia.

Il dipinto "Colosso" suscita anche orrore e panico dall'inevitabilità di un grande potere, forza inesplorata, dall'impotenza dell'uomo di fronte al potente Colosso.

Un'enorme creatura, i pugni serrati in modo aggressivo, uno sguardo scortese da sotto le sopracciglia arruffate - che cosa sopporta - è protezione dai problemi o causerà esso stesso un orrore doloroso?

In primo piano ci sono persone e animali che stanno cercando di fuggire, di fuggire da una forza potente e scortese, ma lo spettatore capisce che non sarà possibile scappare. Da ciò diventa insopportabile.

Gli stessi sentimenti sorsero tra tutta la gente e nello stesso Francisco Goya dopo la guerra con la Francia iniziata nel 1808. I francesi bruciarono la città, portarono morte, dolore, sventura e orrore incessante.

Dopo che la città natale del pittore Saragozza fu bruciata, Goya subì uno shock senza precedenti. Erano gli orrori della guerra, della spietatezza, della disumanità che l'artista trasmetteva nella forma della terribile, enorme figura del Colosso.

È vero, alcuni storici dell'arte credono che l'immagine del Colosso personifichi la forza del popolo, che si è levata contro le truppe francesi. Pugni serrati, corpo teso: tutto parla di prontezza per la lotta e la battaglia. Lo sguardo del gigante è rivolto di lato, si presume che con tale odio guardi Napoleone.

La cui versione è la verità è sconosciuta, è chiaro solo che è stata la frizzante paura della guerra che l'artista ha cercato di trasmettere.





Serov Immagini Con Nomi


Guarda il video: Philippe Daverio. Il gusto della Cultura (Luglio 2022).


Commenti:

  1. Heolstor

    Mi scuso, ma, secondo me, commetti un errore. Scrivimi in PM, discuteremo.

  2. Gustav

    Mi dispiace, non è assolutamente necessario per me. Ci sono altre varianti?

  3. Deston

    È fuori questione.

  4. Beornham

    Frase piuttosto divertente



Scrivi un messaggio